Lentinula edodes Grifola frondosa Trametes versicolor Flammulina velutipes Ganoderma lucidum Schizophyllum comune Inonotus obliquus Hericium erinaceus Genere Cordyceps
Genere Agaricus Genere Pleurotus Genere Phellinus Genere Russula Genere Clitocybe Genere Antrodia Calvatia utriformis Suillus placido Coprinus comatus
Lactarius flavidulus Inocybe umbrinella Funalia trogii Piptopurus betulinus Polyozellus multiplex Albatrellus confluens Fomes fomentarius Boletus badius Altre Specie (Ricerca)

Famiglia: Basidiomiceti    Genere: Inocybe  Specie: Inocybe umbrinella (sin. Inocybe rimosa, Inocybe fastigiata).

Caratteristiche botaniche: il Cappello (2-8 cm), poco carnoso, ha un colore che vira da quasi bianco fino a paglierino-ocraceo, più scuro al disco, inizialmente conico-convesso poi campanulato, infine piano-convesso, rialzato al margine, con umbone acuto pronunciato, striato radialmente e lacerato da profonde fessure al margine; cuticola asciutta, setosa con fibrille radiali; margine diritto, da giovane rivolto verso l'alto, con cortina più o meno effimera, filamentosa, biancastra, spesso fessurato. Le lamelle sono adnate, fitte, ineguali, con presenza di lamellule, fortemente smarginate, grigiastre, sfumate,  di colore olivaceo, poi brunastre, con filo più chiaro. Il gambo (3-9 cm) è cilindrico, sodo, inizialmente pieno, poi cavo, fibrilloso e striato nella parte alta, ma ingrossato alla base, a volte contorto, biancastro negli esemplari giovani  più scuro in età matura, profondamente infisso nel substrato, ricoperto da fiocchi stopposi di fibrille, specie da giovane. La carne, bianca e inconsistente nel cappello, diventa fibrosa e con striature giallognole nel gambo. Ha un odore spermatico. Le spore (9-13 x 5-8 µm) lisce, ovali, sono brunastre in massa.
Habitat: Fungo simbionte, cresce gregario nei boschi di conifere e prati adiacenti, su terreno umido, in estate-autunno.

NOTA: E' velenoso provoca la  sindrome muscarinica, con dolori addominali, nausea,  vomito e conseguenti stati di ansia e di euforia che possono degenerare in delirio ed allucinazioni.

Inocybe umbrinella

                 ARCHIVIO MICOLOGICO A.M.I.N.T. Inocybe umbrinella

    A.M.B. Forum di Micologia Gruppo di Muggia


Lectine dei funghi: specificità, struttura e bioattività rilevanti per la malattia umana

Le lectine sono proteine ​​non immunoglobuliniche che legano diverse strutture zuccherine con un alto grado di selettività. Le lectine svolgono un ruolo cruciale in vari processi biologici come la segnalazione cellulare, lo scavenging delle glicoproteine ​​dal sistema circolatorio, le interazioni cellula-cellula nel sistema immunitario, la differenziazione e il targeting proteico verso i compartimenti cellulari, così come i meccanismi di difesa dell'ospite, l'infiammazione e il cancro . Tra tutte le fonti di lectine, le piante sono state studiate in modo molto approfondito. Tuttavia, le lectine fungine più recenti hanno attirato notevole attenzione a causa delle loro attività antitumorali, antiproliferative e immunomodulatorie. Dato che solo il 10% delle specie di funghi sono conosciute e classificate tassonomicamente, i funghi rappresentano un'enorme fonte inesplorata di lectine potenzialmente utili e nuove. Negli ultimi anni le lectine fungine hanno attirato notevole attenzione a causa delle loro attività antitumorali, antiproliferative e immunomodulatorie [ 19 , 31 , 32 , 33 , 34 , 35 , 36 , 37 , 38 ]. In questa recensione, forniamo un aggiornamento, che si basa su una serie di recensioni sulle lectine di funghi [ 19 , 36 , 38 , 39 , 40 , 41], che fornisce un riepilogo aggiornato delle proprietà biochimiche, molecolari e strutturali delle lectine fungine, nonché delle loro versatili applicazioni che si concentrano specificatamente sulla bioattività della lectina fungina.

 

Fonte: Mushroom Lectins: Specificity, Structure and Bioactivity Relevant to Human Disease. Mohamed Ali Abol Hassanb et altri. . 2015 Apr; 16(4): 7802–7838.

 Riferimenti bibliografici (clicca qui)


Purificazione e caratterizzazione di una nuova lectina dal fungo selvatico tossico Inocybe umbrinella.

Dai corpi fruttiferi essiccati del fungo tossico Inocybe umbrinella è stata isolata, estremamente purificata, una nuova lectina con massa molecolare di 17 kDa. Il protocollo di purificazione comprendeva la cromatografia a scambio ionico su DEAE-cellulosa e CM-cellulosa  nel cappello, e la filtrazione su gel Superdex 75. Tra i carboidrati testati, il raffinosio, il d- gelidoosio, l'α-lattosio e il d (+) - galattosio possono inibire l'attività emoagglutinante della lectina. L'attività  emoagglutinante era stabile tra 10° e 60 ° C, in HCl 12,5-100 mM e in NaOH 50 mM. L'attività emoagglutinante è stata inibita dagli ioni Ca2+, Mn2+ e Mg2+, ma non è stata influenzata dagli ioni Fe3+, Zn2+ e Al3+. La Lectina ha inibito HIV-1 trascrittasi inversa con una IC 50 di 4.7 ± 0.2 pM. La proliferazione delle cellule tumorali incluse le cellule di epatoma HepG2 e le cellule MCF7 del cancro al seno è stata inibita dalla lectina con un IC 50 di 3,5 ± 0,2 μM e 7,4 ± 0,3 μM, rispettivamente. La lectina ha una sequenza aminoacidica N-terminale unica, DGVLATNAVA. Non mostrava attività antifungina. Il presente rapporto è il primo presentato circa una lectina isolata da Inocybe e rappresenta uno dei pochissimi rapporti sulle lectine isolate da funghi tossici.

Studio pilota del trattamento della psilocibina per l'ansia in pazienti con carcinoma in stadio avanzato.

Questa indagine riesamina una candidatura clinica potenzialmente promettente di allucinogeni nel trattamento dell'ansia reattiva al cancro in stadio avanzato. con l'obiettivo di valutare la sicurezza e l'efficacia della psilocibina in pazienti con carcinoma in stadio avanzato e ansia reattiva. studio in doppio cieco, controllato con placebo, su pazienti con tumore in fase avanzata e ansia, con soggetti che agiscono come il proprio controllo, utilizzando una dose moderata (0,2 mg / kg) di psilocibina. Dodici adulti con cancro e ansia da stadio avanzato.
Dosi moderate (0,2 mg/kg) del trattamento allucinogeno psilocibina hanno dimostrato una significativa riduzione dell'ansia, miglioramento dell'umore e,  in pazienti che combattono il cancro. Questo studio ha stabilito la fattibilità e la sicurezza della somministrazione di dosi moderate di psilocibina a pazienti con cancro in stadio avanzato e ansia (Grob et al. 2011 ). Questo studio ha dimostrato la fattibilità e la sicurezza della somministrazione di dosi moderate di psilocibina a pazienti con cancro e ansia in stadio avanzato. Alcuni dati hanno rivelato una tendenza positiva verso il miglioramento dell'umore e dell'ansia. Questi risultati supportano la necessità di ulteriori ricerche in questo campo a lungo trascurato.

Fonte: Purification and characterization of a novel lectin from the toxic wild mushroom Inocybe umbrinella J.K. Zhao a H.X. Wang a T.B. Ng b.  https://doi.org/10.1016/j.toxicon.2008.12.009

Fonte: Pilot study of psilocybin treatment for anxiety in patients with advanced-stage cancer. Grob CS, Danforth AL, et altri. 2011 Jan; 68 (1): 71-8.