Lentinula edodes Grifola frondosa Trametes versicolor Flammulina velutipes Ganoderma lucidum Schizophyllum comune Inonotus obliquus Hericium erinaceus Genere Cordyceps
Genere Agaricus Genere Pleurotus Genere Phellinus Genere Russula Genere Clitocybe Genere Antrodia Calvatia utriformis Suillus placido Coprinus comatus
Lactarius flavidulus Inocybe umbrinella Funalia trogii Piptopurus betulinus Polyozellus multiplex Albatrellus confluens Fomes fomentarius Boletus badius Altre Specie (Ricerca)

Famiglia: Thelephoraceae, Genere: Polyozellus, Specie: Polyozellus multiplex (sin. cantharellus multiplex, cratarellus multiplex) Nome comune: finferlo blu, gallinaccio blu, galletto nero (Alaska). gruppo cortecce di terra

Caratteristiche botaniche: Polyozellus multiplex è l'unica specie appartenente al genere Polyozellus. Il caratteristico corpo fruttifero di questa specie comprende grappoli blu-viola con tappi a forma di vaso o cucchiaio con rughe vistose sulla superficie inferiore che corre lungo la lunghezza del gambo. I cappucci sono grandi fino a 15 cm di diametro, con margine ondulato,  finemente vellutati, dal viola scuro al blu scuro nero; carnosi, leggermente irruviditi e asciutti, uniti in grappoli al di sopra di steli che sono frequentemente fusi. L'imenio presenta delle vene biforcute poco profonde che si estendono spesso lungo i gambi, dal viola scuro al blu porpora quando sono fresche, diventando viola grigio più chiaro una volta essiccate. La carne dura e un pò fragile, viola scuro; sapore mite (è commestibile ma mediocre), odore vagamente pungente. Le Spore sono bianche.

Habitat: Cresce nei prati e pascoli, tra cespugli spinosi, in gruppi di numerosi esemplari, generalmente in circolo; fruttifica dalla fine dell'estate all'autunno inoltrato.

Polyozellus multiplex

Foto di  Michael Wood :       Polyozellus multiplex 1          Polyozellus multiplex 2           Polyozellus multiplex 3         

Attività antitumorale

Sommario. L'estratto con metanolo da Polyozellus multiplex, un fungo selvatico coreano, è stato ulteriormente frazionato con acqua e acetato di etile. Il dosaggio di ciascuna frazione con MTT ha rivelato significativi effetti tumoristatici della frazione acquosa di Polyozellus multiplex contro cellule tumorali gastriche umane ed altre, ma non contro i normali linfociti umani. Gli effetti modificanti della frazione acquosa sulla mucosa ghiandolare dello stomaco sono stati studiati in ratti maschi Wistar  trattati con N- metil- N ' -nitro- N- nitrosoguanidina (MNNG). La frazione acquosa  alimetare allo 0,5% o all'1% di Polyozellus multiplex ha aumentato significativamente il glutatione S-transferasi (GST) e l'attività di superossido dismutasi (SOD), e ha mostrato una tendenza all'aumento dei livelli di glutatione (GSH), rispetto al gruppo MNNG da solo (non trattato). Ha anche causato una significativa riduzione dell'indice di proliferazione dell'antigene nucleare cellulare (PCNA) dell'epitelio ghiandolare dello stomaco, insieme all'aumento dell'espressione genica del soppressore tumorale p53 . Questi risultati suggeriscono che Polyozellus multiplex è un candidato per la chemioprevenzione contro il cancro gastrico.

Formula di struttura di polyozellin

Fonte: Polyozellus multiplex, a Korean wild mushroom, as a potent chemopreventive agent against stomach cancer. In-SeonLee, Akiyoshi Nishikawa.  2003 7 Novembre; 73 (25): 3225-34.https://doi.org/10.1016/j.lfs.2003.06.006

Effetti β-secretasi (BACE1) inibitori e neuroprotettivi di p-terphenyls da Polyozellus multiplex.

Riassunto
La malattia di Alzheimer (AD), una delle principali patologie neurodegenerative, è associata alla reazione enzimatica della β-secretasi (BACE1) sulla proteina precursore dell'amiloide (APP) per la generazione di amiloide-β (Aβ) neurotossico. Pertanto, l'accumulo di Aβ e la morte delle cellule neuronali indotte dallo stress ossidativo sono le caratteristiche patogenetiche dell'AD. In questo studio, gli Autori hanno cercato di identificare inibitori e neuroprotettori di BACE1 da prodotti naturali, in particolare dal fungo coreano Polyozellus multiplex . Dall'estratto etanolico di P. multiplex sono stati identificati 4 p-terfenili :

  1. poliozellin

  2. acido thelephoric

  3. acido polyozellic

  4. kynapcin-12

I composti 1-4 hanno effettivamente inibito l'attività di BACE1 con una concentrazione inibitoria metà massimale (IC50) di 3.08, 3.50, 4.78 e 15.79 μM, rispettivamente. I composti 1-3 riducevano la produzione di Aβ1-42 neurotossica nelle cellule APPswe-N2a in modo dipendente dalla concentrazione. Quando le cellule HT22 sono state sottoposte a stress con 5 mM di glutammato, i composti 2 e 3 hanno recuperato in modo significativo la vitalità cellulare. E 'stato correlato con le loro proprietà inibitorie contro l'infusione di Ca 2+ mediata dal glutammato, generazione di specie reattive dell'ossigeno intracellulare (ROS), perossidazione lipidica, riduzione dei livelli di Bcl-2 e Bid e aumento della fosforilazione della protein chinasi attivata dal mitogeno (MAPK ). Pertanto, P. multiplex e i p-terfenili isolati potrebbero essere utili nello sviluppo di composti di piombo per la prevenzione delle malattie neurodegenerative, in particolare l'AD.

terfenili o difenili?

Fonte: β-Secretase (BACE1) inhibitory and neuroprotective effects of p-terphenyls from Polyozellus multiplex. Chon SH1, Yang EJ, Lee T, Song KS.Food Funct. 2016 Sep 14;7(9):3834-42. doi: 10.1039/c6fo00538a. Epub 2016 Aug 11.

 Composti isolati da Polyozellus multiplex.

Potential Anti-angiogenesis Effects of p-Terphenyl Compounds from Polyozellus multiplex. Ikuko Nagasawa, Akira Kaneko, et altri. Journal of Natural Products 2014 77 (4), 963-968. DOI: 10.1021/np401046z

Riassunto

Un nuovo composto p-terfenilico, acido poliozellico ( 1 ) e il suo addotto acetone ( 3 ), insieme a un noto p-propenile composto, l'acido thelephoric ( 2 ), sono stati isolati dal fungo  Polyozellus multiplex. Le loro strutture molecolari sono state determinate mediante analisi spettroscopica, analisi cristallografica a raggi X e modificazione chimica. In alcuni saggi relativi all'angiogenesi, i composti 1 e 2 in particolare hanno mostrato effetti inibitori sulla proliferazione, sulla formazione di tubuli e sull'invasione delle cellule endoteliali della vena ombelicale umana. La porzione di chinone all'interno di queste molecole probabilmente contribuisce alla loro attività di antiangiogenesi.

Poliozellin

Polyozellin isolated from Polyozellus multiplex induces phase 2 enzymes in mouse hepatoma cells and differentiation in human myeloid leukaemic cell lines. Kim JH, Lee JS, et altri.  2004 Feb 11;52(3):451-5.

Riassunto

L'induzione di enzimi disintossicanti della fase 2 cellulare è associata al potenziale preventivo del cancro. La chinone reduttasi (QR) è stata utilizzata come prototipo per gli enzimi anticancerogeni di fase 2 a causa della sua diffusa distribuzione nei sistemi dei mammiferi, della grande ampiezza della risposta dell'induttore e della facilità di misurazione nelle cellule dell'epatoma murino. Estratto di metanolo di multiplex Polyozellus , che mostra un forte potenziale di induzione QR, è stato sottoposto a frazionamento bioassay guidato, e la poliozellin (PM1) sembrava essere un componente attivo importante. Nelle cellule in vitro coltivate (cellule hepa1c1c7 e BPRc1), la poliozellin ha aumentato QR, glutatione S-transferasi (GST) e il contenuto di glutatione (GSH) in modo dose-dipendente. Il composto inoltre ha promosso in modo significativo la differenziazione delle cellule di emia promielocitica umana HL-60. In conclusione, la poliozellin merita ulteriori studi in vivo per valutare il suo potenziale come agente preventivo del cancro

Riferimenti bibliografici (clicca qui) 

Letteratura scientifica (clicca qui)