Lentinan


Lentinan è una frazione di polisaccaride altamente purificata isolata da  Lentinus edodes (Shiitake). Considerando la sua natura chimica è classificato come un β-glucano. La sua catena principale è costituita da unità di glucosio legate da legami glicosidici β-(1→3), mentre le catene laterali sono collegate con la catena principale da legami glicosidici β-(1→6) [ 9 ]. 

In Giappone è riconosciuto e  comunemente usato come farmaco antitumorale.  Generalmente viene somministrato in associazione ad altri farmaci convenzionali farmaceutici nella terapia del cancro, ad esempio dell’intestino, del fegato, dello stomaco, dell'ovaio e del polmone.  Aumenta l'efficacia della terapia e quindi la sopravvivenza dei pazienti [ 35 ]. Studi sperimentali hanno dimostrato che la somministrazione di lentinan impedisce l’oncogenesi indotta chimicamente o da virus, nonché previene le metastasi [ 25 , 36 - 38 ].

Inoltre, è stato osservato che il trattamento lentinan in pazienti affetti da cancro allo stomaco inibisce la sintesi delle prostaglandine, composti che in molti casi ha portato ad un rallentamento della differenziazione dei linfociti T, come pure l'inibizione dell'attività delle cellule Treg [49].  Allo stesso tempo, i livelli aumentati di attivati ​​e linfociti T citotossici sono stati osservati nella milza [50] e la stimolazione di cellule mononucleari del sangue periferico per la produzione di interleuchina 1α (IL-1α), IL-1β e TNF-α [52]. La capacità di  Lentinan di stimolare il rilascio di IL-1 è stata dimostrata in altri tipi di tumore [51]. Inoltre, sono state descritte molte altre interessanti attività biologiche di Lentinan, compresa la risposta aumento non specifico infiammatoria dimostra produzione stimolata di proteine ​​di fase acuta [ 58 ] e l'inibizione del sistema del complemento [ 54 ].

Meccanismo d'azione diretto. Oltre all'azione indiretta, diversi polisaccaridi hanno mostrato effetti diretti sulle cellule tumorali. Molti studi in vitro e in vivo hanno suggerito che i polisaccaridi inibiscono la proliferazione delle cellule tumorali e/o inducono la morte per apoptosi [16 , 17 , 28 , 29 , 72 ]
Meccanismo d'azione (indiretto). Studi hanno dimostrato che lentinan stimola la proliferazione delle cellule mononucleate del sangue come i linfociti, monociti e macrofagi [ 49 , 50 ]. Inoltre, stimola anche la maturazione e la differenziazione delle cellule coinvolte nei meccanismi di difesa dell'ospite. Lentinan è anche in grado di aumentare la reattività delle cellule immunitarie e stimolare a secernere citochine, ormoni e/o altre sostanze biologicamente attive. Come risultato di tali proprietà, lentinan aumenta la resistenza del corpo alla trasformazione maligna [ 51 , ​​52 ]. Lentinan è stato descritto come adiuvante focalizzato sulle cellule T [ 53 ]. Si sposta l'equilibrio di Th1/2 verso Th1 da un significativo aumento di IL-12 [ 54 ]. Si intensifica macrofagi fagocitosi e aumenta la secrezione di citochine, in particolare α fattore di necrosi tumorale (TNF-α) dall'attivazione di NF-χ 2 [ 55 , 56 ]. È stato osservato anche il suo effetto stimolante sulla popolazione di cellule NK [ 57 ]. Numerose evidenze suggeriscono che Lentinan stimola le cellule dendritiche, che sono essenziali per l'immunomodulazione e  l'attività antitumorale di questo agente. Cellule dendritiche in collaborazione con cellule K giocano un ruolo chiave nella eliminazione delle cellule tumorali [ 52 ].

Uno dei meccanismi meglio descritti di azione antitumorale diretta dei polisaccaridi estratti da Basidiomiceti è la modulazione dell'attività di NF-κβ. Eccessiva attivazione di NF- κβ si osserva in molti tipi di cancro. L’attivazione di NF- κβ promuove la crescita tumorale aumentando la trascrizione di geni che inducono la proliferazione cellulare, inibibendo l'apoptosi, o promuovendo l'angiogenesi e le metastasi [ 73 ]. E’ stato dimostrato che i polisaccaridi inibiscono la fosforilazione e/o la degradazione dell'inibitore di NF-κβ (I κβα ) [ 4 , 19 , 28 , 74 - 77 ], che impedisce l'attivazione del fattore di trascrizione e di conseguenza l'espressione dei suoi geni subordinati [ 78 , 79 ]. Oltre alla NF- κβ modulazione percorso, polisaccaridi possono influenzare le cellule tumorali in altri modi. Un ottimo esempio di ciò è il complesso proteico di polisaccaride estratto da Trametes versicolor noto come PSP. È stato dimostrato che l'arresto del ciclo cellulare PSP indotta nei punti restrittive G1 / S e G2 / M in cellule leucemiche U-937 e cellule di carcinoma mammario MDA-MB-231, e proteine ​​antiapoptotiche anche inibiti, con conseguente repressione della divisione cellulare e aumento di apoptosi [ 80 , 81 ]. Tuttavia, in cellule leucemiche HL-60, PSP suscitato un effetto simile attraverso decremento di NF- κβ livello ed espressione di ERK chinasi [ 81 ].

Fonte: Anticancer properties of polysaccharides isolated from fungi of the Basidiomycetes class. Lemieszek M, Rzeski W. Contemp Oncol (Pozn). 2012;16(4):285-9. Epub 2012 Sep 29.

 Riferimenti bibliografici (clicca qui)

Letteratura scientifica: lentinan (clicca qui)