fig.1-formula di struttura dell'acido folico (Vitamina B9)

La vitamina B9 o acido folico è una vitamina molto importante per la crescita: interviene nella formazione dell'acido nucleico, il quale è determinante per la riproduzione delle cellule del corpo. È inoltre coinvolto nella formazione dei globuli rossi ed è necessario per un'attività equilibrata del sistema nervoso. La vitamina B9 viene distrutta facilmente dal calore e dalla luce. Negli ultimi decenni, l’acido folico è stato riconosciuto come essenziale nella prevenzione delle malformazioni neonatali, particolarmente di quelle a carico del tubo neurale, che si possono originare nelle prime fasi dello sviluppo embrionale. Inoltre, sembra giocare un ruolo, non ancora ben chiarito, nella prevenzione di altri difetti e malformazioni congenite, come la labiopalatoschisi e alcuni difetti cardiaci congeniti. 
 

Letteratura scientifica Vitamina B9 - clicca qui

 

Attività biologica

L'acido folico è essenziale per la sintesi del DNA e delle proteine e per la formazione dell’emoglobina, ed è particolarmente importante per i tessuti che vanno incontro a processi di proliferazione e differenziazione, come i tessuti embrionali. Può prevenire alcune malformazioni del feto.

La sua presenza abbassa i livelli dell’omocisteina, aminoacido associato al rischio di malattie cardiovascolari e infarti, ma non si può al momento stabilire un'associazione diretta tra assunzione di folati e riduzione del rischio cardiaco.
L'acido folico viene utilizzato nelle cure contro l'anemia e I'arteriosclerosi. Ha dato buoni risultati contro: ulcere dello stomaco, tensione premestruale, diarrea, infiammazione della lingua. Sono in corso alcuni studi sulle proprietà anticancerogene dell'acido folico (soprattutto contro il tumore dell' apparato respiratorio).

 

Fonti

La vitamina B9 non viene prodotta dall’organismo ma deve essere assunta con il cibo e dalla flora batterica intestinale, e il fabbisogno quotidiano in condizioni normali è di circa 0,2 mg. L'acido folico, si trova  principalmente nelle verdure a foglia verde, nel lievito di birra, nel fegato, nei cereali, nei legumi. Pomodori, fagioli e arance sono in grado di apportare al nostro organismo una certa quantità di vitamina B9. Per le carni sono soprattutto le frattaglie a contenere questa sostanza in misura maggiore. 

In caso di assunzione in eccesso si potrebbe verificare una carenza di zinco.

Ipovitaminosi

Una carenza di vitamina B9 è abbastanza comune. Si manifesta con:

  • capelli grigi

  • debolezza

  •  ulcere agli angoli della bocca e infiammazione della lingua

  • disturbi gastrointestinali

  • rallentamento della crescita

  •  anemia.

Fabbisogno

Un adulto, sia maschio che femmina, dovrebbe assumere circa 200 mcg di acido folico al giorno. E' possibile coprire il fabbisogno giornaliero con 5 g di lievito di birra oppure 80 g di carne di maiale, 200 g di spinaci, 300 g di pane integrale, 250 g di cavolo, 400 g di pomodori, 40 g di germe di grano.
Come ben si sa l'acido folico nel periodo di gravidanza è indispensabile soprattutto per la salute del feto visto che previene una patologia importante che si può verificare nel momento in cui l'acido folico fosse carente nella madre, che è la Spina Bifida. In caso di Gravidanza, l'assunzione di tale vitamina dovrebbe raddoppiare, ovvero circa 400 mcg al giorno. Durante la gravidanza, il fabbisogno di folato si raddoppia a 0,4 mg perché il feto utilizza le riserve materne. Il fabbisogno di acido folico aumenta durante la gravidanza (evita rallentamento della crescita, danni al sistema nervoso, parto prematuro e anemia megaloblasticasia alla madre che al nascituro).

Soggetti a rischio di ipovitaminosi

·     persone affette da  malattie intestinali

·     persone affette da  malattie del sangue

·     neonati prematuri

·     alcolisti

·     individui che assumono alcuni farmaci

·     anziani

 

 

pag.1